4 Forme di mandato di brokeraggio

Il mandato di brokeraggio assicurativo



Il potenziale cliente che ha bisogno di stipulare uno o più contratti di assicurazione può scegliere di affidarsi a diversi canali commerciali:

domandare a un broker assicurativo significa affidarsi ad un professionista in grado di collaborare (almeno potenzialmente) con tutte le assicurazioni abilitate sul territorio nazionale: questa è la grossa differenza tra essi e gli agenti di assicurazioni (sia monomandatari sia plurimandatari) che si affidano invece a chi dà loro un mandato di agenzia.


Per garantire la massima efficacia all’opera di ricerca del broker assicurativo solitamente si sceglie di dare loro mandato di ricercare le assicurazioni più adatte mediante una lettera di brokeraggio, un documento redatto normalmente secondo schemi dettati dall’AIBA (Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e riassicurazioni), che consente al professionista di muoversi con maggiore agilità (e soprattutto chiaramente a titolo di un cliente) tra i molti uffici nei quali è possibile scovare l’offerta più conveniente.


Il mandato di brokeraggio non comporta obblighi da parte del cliente ed è a tempo determinato … solitamente non viene neppure corrisposto un pagamento al broker di assicurazioni né per la ricerca della compagnia né per la negoziazione delle condizioni più convenienti, poiché la sua provvigione, almeno in Italia, viene solitamente corrisposta dalla compagnia di assicurazioni.


Firmare la lettera di brokeraggio non comporta quindi obblighi particolari, è un atto che solitamente può essere revocato in qualsiasi momento e dà campo libero al professionista (che potrebbe portarvi non poche soddisfazioni in termini di convenienza e qualità delle garanzie). Solitamente il mandato viene sottoscritto per polizze complesse o comunque di una certa entità, ma nessuno vi vieta di conferire l’incarico al broker in forma scritta anche per una semplice R.C. Auto!

Il Broker e l'Assicurazione


L'attività degli intermediari di assicurazione e riassicurazione è definita dall'art.106 del D.Lgs n. 209/2005 - Codice delle Assicurazioni Private ' come l'attività che consiste nel presentare o proporre prodotti assicurativi e riassicurativi o nel prestare assistenza e consulenza finalizzata a tale attività e, se previsto dall'incarico intermediativo, nella conclusione dei contratti ovvero nella collaborazione alla gestione o all'esecuzione, segnatamente in caso di sinistri, dei contratti stipulati.


La figura del Broker è definita dal Regolamento Isvap n. 5 del 16/10/2006 come segue:

"si intendono per mediatori o broker gli intermediari che agiscono su incarico del cliente e che non hanno poteri di rappresentanza di imprese di assicurazione o di riassicurazione".


Le condizioni d'accesso alla professione di intermediario sono le seguenti:


Onorabilità:

L'intermediario non deve aver riportato condanne penali né essere stato assoggettato a procedure concorsuali;

Professionalità:

L'intermediario deve essere in possesso dei requisiti di professionalità derivanti da una precedente iscrizione negli abrogati albi professionali o dal superamento di apposito esame di abilitazione. Il mantenimento del livello di professionalità viene garantito dallo svolgimento di corsi di aggiornamento annuali.

Autonomia:

L'intermediario non deve avere vincoli di sorta con Compagnie di Assicurazione. Eventuali partecipazioni azionarie incrociate nella misura superiore al 10% del capitale sociale devono essere resi edotti i clienti in sede di informativa precontrattuale.

Garanzia:

Il Broker ha l'obbligo, in aggiunta all'adesione al Fondo di Garanzia, di stipulare polizza di RC professionale per la copertura di eventuali danni causati ai clienti per errori derivanti da imperizia, imprudenza o negligenza propria o dei propri collaboratori.

Il Fondo di Garanzia, che ha lo scopo di risarcire assicurati e compagnie per danni causati dagli intermediari e non coperti dalla polizza, viene alimentato con contributo annuale degli iscritti.


Il reperimento delle migliori coperture assicurative è uno dei momenti in cui si esprime l'attività del broker, ed è sempre più integrato nella gestione globale delle problematiche assicurative del cliente.

In sintesi, il moderno broker deve saper offrire al cliente un servizio completo, sempre e comunque "personalizzato", articolato in diversi momenti:

  • analisi dei rischi;

  • definizione delle specifiche contrattuali;

  • individuazione delle compagnie d'assicurazione idonee;

  • gestione dei contratti;

  • assistenza nella liquidazione dei danni;

  • aggiornamento costante sulle dinamiche dei rischi e sull'andamento del mercato assicurativo.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti